STORIA DELLA CANTINA GNAVI

Il vino è uno dei maggiori segni di civiltà nel mondo

Ernest Hemingway

La storia della cantina Gnavi è indissolubilmente legata a Caluso e alle sue colline moreniche, dove risiedono anima e cuore dei vitigni Erbaluce. Proprio come i nostri vini, anche il nostro cognome è autoctono e racconta una storia di saperi e tradizioni del territorio che si tramandano di padre in figlio. Tutto incominciò alla fine dell’Ottocento, con la fondazione di un’azienda familiare di carradori che, oltre a occuparsi del trasporto di merci, si specializzò nella coltura della vite. Fu il Cavalier Giovanni a dare inizio all'impresa enoica vera e propria. Consapevole della qualità dei suoi prodotti, negli anni ’50 del secolo scorso, mise in commercio il frutto del lavoro appassionato dei suoi vitigni. Ben presto il cognome Gnavi diventa sinonimo di vini eccellenti e l’azienda si afferma come uno dei più importanti produttori del Caluso Passito.

Negli anni '90, il testimone passa ai figli del Cavalier Giovanni, Carlo e Guglielmo, che introducono nuove produzioni, realizzando quel connubio tra tradizione e innovazione che caratterizza la nostra cantina. Oggi, Carlo, rimasto unico erede e custode del sapere del padre, collabora con il nipote Giorgio, raccoglie le uve e le vinifica di mano propria, per dar vita a tutte le diverse declinazioni dell’Erbaluce. La nostra storia continua così sulle vostre tavole, con il tradizionale e fresco Erbaluce di Caluso Cav. Giovanni, o con il caratteristico e struggente Caluso Passito Revej, o, ancora, con l’innovativo e singolare Erbaluce di Caluso Spumante Turbante.

ERBALUCE

La bellezza dell'uva l'eccellenza dei vini

Il nome Erbaluce evoca tutta la bellezza di questo vitigno, caratterizzato da acini brillanti e luminosi come i colori dell’alba, che a maturità assumono riflessi ramati, rosa corallo e aranciati. Come scrive nel 1606 Giovan Battista Croce, gioielliere di Carlo Emanuele I di Savoia,

Elbalus è una bianca detta come Albaluce perché biancheggiando risplende: fa li grani rotondi, folti e copiosi, ha il guscio o sia scorza dura, matura diviene rostita, e colorita, e si mantiene in su le piante assai; è buona da mangiare , e a questo fine si conserva: fa li vini buoni e stomacali.

Il vitigno Erbaluce è coltivato esclusivamente nel Canavese, territorio collinare di origine morenica con clima mite, che trova il proprio centro di produzione a Caluso. L’uva presenta caratteristiche quali una spiccata acidità, un'elevata sapidità e una piacevole dolcezza. Queste peculiarità si originano sia grazie al terreno, ricco di detriti glaciali granitici di grande complessità minerale, sia grazie alla mano dell’uomo, che ha messo a punto un sistema di allevamento esclusivo, detto topia (o “pergola”) canavesana.

L’intervento esperto dei produttori del territorio permette all’Erbaluce di esprimere la propria versatilità, dando vita a ben tre vini differenti: un bianco secco, fresco e sapido, un raffinato spumante ed un passito d’eccellenza, longevo e inimitabile. L’Erbaluce è il primo vino bianco piemontese a ottenere la Denominazione di Origine Controllata, nel 1967, e tra i primi a ottenere la Denominazione di Origine Controllata e Garantita, nel 2010.

VINI DELLA CANTINA GNAVI

CAV. GIOVANNI

Member 1

ERBALUCE DI CALUSO GNAVI

TURBANTE

Member 2

ERBALUCE DI CALUSO SPUMANTE GNAVI

REVEJ

Member 3

CALUSO PASSITO GNAVI

contattaci

La vita è troppo breve per bere vini mediocri

Johann Wolfgang Goethe

Azienda Agricola Gnavi Carlo

Via Cesare Battisti,8
10014 Caluso (TO)
Italia

+39 348 2231844
+39 340 7316422
FAX 011 9832496


Prenota i vini TROVA I Luoghi VISITA LA CANTINA